Blog categories

Comments

Come aprire una pizzeria

Come aprire una pizzeria

Come aprire una pizzeria

Come aprire una pizzeria

Aprire una pizzeria è una scelta che può cambiare la vita di una persona. Può aiutare a costruire un futuro ricco di soddisfazioni personali e fatica. Può essere la chiave di volta per uscire da un periodo di crisi lavorativa. Può essere un modo per far fruttare la passione per lievito e farina, trasformandola in un business. Quale che sia la motivazione, preparatevi ad un percorso in cui avrete bisogno di molta tenacia e motivazione, ma alla fine potrete alzare la saracinesca di una pizzeria tutta vostra!

Innanzitutto frequentate un corso per pizzaiolo: prima di impastare una pizza che non mira a piacere solo ai vostri familiari, ma a dei perfetti sconosciuti, è bene studiare le materie prime, trovare il proprio impasto, quello che funziona bene e rende la vostra pizza unica, speciale e soprattutto commestibile!

 

Poi focalizzatevi su che tipo di pizzeria volete aprire. Se scegliete di puntare su un esercizio da asporto, potrete selezionare un locale di pochi metri quadri, in cui inserire il forno. Se puntate su una pizzeria che includa anche dei tavoli, dovrete puntare su spazi più grandi. In entrambi i casi i locali devono rispettare precisi requisiti strutturali che si allineino con le principali regole igieniche e urbanistiche.

 

Questa prima valutazione ci porta al primo tasto dolente. Siamo in Italia, quindi il vostro ostacolo più grande verso la realizzazione del vostro sogno sarà la burocrazia.

 

Occorre infatti presentare al Comune una Segnalazione Certificata Inizio Attività (S.C.I.A.) per la somministrazione di alimenti e bevande in cui attestare di possedere i requisiti morali e professionali.

In particolare, si dovrà dichiarare:

 

•         di essere in possesso dei requisiti di accesso e di esercizio delle attività commerciali, previsti dall’art.71 commi 1-5 del D. Lgs. 26 marzo 2010 n.59, così come modificato dal D.Lgs.147/12; in particolare, i requisiti morali di onorabilità sono fissati dal citato art. 71, comma 1, lettere a-f;

 

•         che sono rispettate le prescrizioni urbanistiche ed edilizie in materia di agibilità, di  destinazione d’uso, di conformità edilizia e sicurezza sui luoghi di lavoro;

 

•         che il locale è conforme alle condizioni di “sorvegliabilità” di cui al decreto ministeriale 17 dicembre 1992, n.564 (c.d. Bosetti e Gatti) successivo regolamento di attuazione approvato con D.M  5 agosto 1994 n.534 , giusta relazione che si allega;

 

•         di essere in possesso dei requisiti professionali per la somministrazione degli alimenti e bevande previsti dall’art.71 comma 6 del D. Lgs. 26 marzo 2010 n.59, così come modificato dal D. Lgs. 147/12.

 

In merito ai requisiti professionali, è sufficiente essere in possesso di almeno uno sei seguenti:

 

•                     avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti riconosciuto dalla regione e dalla provincia in cui si vuole avviare l'attività;

 

•                     avere prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, presso imprese in attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, come dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale;

 

•                     essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.

 

Sarà inoltre necessario acquisire un certificato SAB, relativo alla somministrazione di alimenti e bevande, e l'HACCP, che attesterà la qualità igienica degli alimenti e delle attrezzature presenti nel locale. Entrambi gli attestati si ottengono tramite dei corsi e l'aggiornamento, obbligatorio, va ripetuto ogni 3 anni.

 

Segue la presentazione della Comunicazione Unica: si tratta di una pratica che in sé racchiude tutte le azioni necessarie per l'avvio di un'attività. Per completare questo documento devono essere compilate le richieste di iscrizione a questi enti: Registro delle Imprese, Agenzia delle Entrate, Inps e Inail. Affinché la pratica sia valida deve essere inviata all'Ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio di competenza che a sua volta provvederà ad inviarla agli altri Enti.

 

Ciascuna regione prevede inoltre opportunità di finanziamento agevolato. In particolare, se risiedete in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, tenete presente che sono previsti finanziamenti e incentivi anche per l'apertura di nuove pizzerie. In questo modo potrete ottenere contributi a fondo perduto per il 50% del finanziamento richiesto e la possibilità di restituire la restante quota a tasso agevolato. Ricordatevi di consultare anche i siti della regione in cui andate ad operare: potreste trovare qualche bando adatto al vostro progetto.

 

Una volta sbrigata la parte burocratica, è il momento di selezionare le materie prime e prendere i primi contatti con i fornitori. Privilegiate le aziende operanti nel territorio: saranno loro ad avviare il motore del passaparola. Usando i prodotti realizzati nella regione, renderete ancora più speciale la vostra pizza esaltandone l'appartenenza territoriale. Selezionate e acquistate i macchinari necessari per creare l'impasto e sfornare il prodotto finito.

 

Prima dell'apertura dell'attività, non trascurate la comunicazione. Stendere un buon piano di marketing prima dell'apertura è l'arma vincente per far sapere a tutti che siete sul mercato. Una volta aperta la vostra pizzeria, siate attivi sui social: Facebook, Twitter e Foursquare offrono strumenti di promozione pressoché gratuita che vi aiuteranno a far emergere la vostra attività, il vostro brand e i vostri prodotti.

 

È il momento di alzare la saracinesca e di prendere in mano le redini del vostro futuro!

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-color: #1e73be;background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 180px;}