Blog categories

Comments

Iginio Massari maestro per AssoAPI: l’intervista a Lorenzo Zanoni

Iginio Massari maestro per AssoAPI: l’intervista a Lorenzo Zanoni

Frequentare un corso professionale AssoAPI significa avere la possibilità di vivere un’esperienza formativa completa. Più di 600, gli allievi che hanno riposto fiducia nel nostro team e nella formula innovativa dei corsi: teoria a distanza, stage e accompagnamento a lavoro.

Ma quali sono i vantaggi di un corso AssoAPI? L’abbiamo chiesto ai nostri allievi. A raccontarci della sua esperienza di stage, è il ventenne bresciano Lorenzo Zanoni; da due mesi lavora a pieno ritmo con lo staff del maestro della pasticceria italiana, Iginio Massari.

 

Perché hai deciso di seguire un corso professionale per pasticcere?

Ho deciso di seguire un corso per pasticciere perché cucinare dolci, è sempre stato un mio hobby. Essendo al momento disoccupato, ho pensato di regalarmi un’opportunità: fare della mia passione la mia professione.

 

Come hai conosciuto la realtà AssoAPI e perché hai scelto questo corso?

Ho conosciuto le offerte AssoAPI attraverso siti internet e, tra un’offerta di lavoro e l'altra, ho trovato l’annuncio della scuola. Subito ho contattato la segreteria richiedendo informazioni che mi sono state fornite con dovizia di particolari.

 

Al termine della fase teorica curata da Carmen Vecchione, hai svolto uno stage presso la Pasticceria Veneto di Iginio Massari. Quanto la teoria e le relative esercitazioni ti hanno aiutato durante lo stage?

Per quanto i moduli fossero dettagliati e le prove pratiche aiutino a prendere dimestichezza con gli ingredienti, credo che il vero banco di prova sia lo stage. La teoria è stata particolarmente  utile per quanto riguarda i lievitati, le creme e l’utilizzo dei macchinari e tecniche nelle esercitazioni.

 

Come si svolge una giornata lavorativa all’interno del laboratorio del maestro Massari?

La giornata inizia molto presto, alle 7.00. Sono affiancato a uno dei pasticcieri che si occupa delle brioche e della biscotteria varia, nonché preparazione dei fondi di vari dolci. Dopo aver sfornato  e portato al banco le brioche seguono i salatini (pizzette e salatini vari), poi iniziamo a preparare la biscotteria (baci di dama, frolle con marmellate varie, croccantini, ovis, ferri ecc) e anche sfogliatelle.

Una volta o due a settimana si preparano i cannoncini di pasta sfoglia e le brioche che poi vengono surgelate.

 

Cosa pensi dell'affermazione in cui il maestro Massari dice: "Se uno vuole imparare il mestiere non ci sono grandi difficoltà, ma se si utilizza la parola "sacrificio" quando si parla di questo lavoro, ne avrà centomila"?

Non c’è nulla di più vero. È un lavoro che richiede costanza e impegno assoluto. Data la quantità di ore che è necessario fare, se non piace, risulterà un lavoro devastante; al contrario se piace e lo si fa con passione.

 

Cosa farai da grande?

Non ne sono ancora certo, tenendo conto del  periodo in cui purtroppo ci troviamo a vivere non mi sento di poter dire “io farò sicuramente il pasticciere” , penso che sarei contento di trovare un lavoro anche legato al mio diploma (ragioneria)…in ogni caso, qualsiasi sarà il lavoro che farò in futuro , l’esperienza che sto vivendo grazie ad Assoapi e al Sig. Massari mi arricchirà e resterà molto importante per me.

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-color: #1e73be;background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 180px;}